biocamino parete

Biocamino da parete e camino tradizionale: 3 fondamentali differenze

Quando è meglio scegliere un biocamino da parete e quando un camino tradizionale? Qual è il migliore tra i due e quale offre maggiori vantaggi? La risposta è: dipende.
Essendoci molti fattori da tenere in considerazione, infatti, non è possibile dare una risposta che vada bene per tutti. Per questo motivo oggi scoprirai quali sono le 3 principali differenze tra questi due tipi di camini e come capire con certezza quale sia veramente il più adatto alle tue esigenze.

camino residui

Più calore o meno residui?

La prima importante differenza che salta subito all’occhio è la quantità di calore emanata.
Un camino tradizionale è progettato per scaldare un’intera stanza e alcune tipologie possono addirittura essere collegate all’impianto idrico per fornire acqua calda in piena autonomia.
Il biocamino da parete è più un elemento di design, usato soprattutto come complemento d’arredo. Per ottenere la stessa quantità di calore di quello tradizionale sarebbe necessario acquistarne uno con potenza nominale di almeno 3,5/5 kW.

 

D’altra parte il biocamino non sporca, nè produce cattivi odori, perché alimentato a bioetanolo, una sostanza infiammabile 100% naturale che, durante la combustione, viene consumata quasi del tutto dalla fiamma e, di conseguenza, non lascia nessun tipo di residuo. Mentre la polvere e la fuliggine prodotte dalla legna che arde sporca non solo la zona limitrofa al camino ma, a lungo andare, anche la canna fumaria, che può essere pulita solo da un professionista specializzato.

 

parete soggiorno con biocamino

Tempi e costi di installazione

Una seconda differenza tra le due tipologie in esame, riguarda l’installazione. Il camino a bioetanolo da parete non ha bisogno di un tecnico per essere montato, non necessita di lavori di muratura, nè di permessi o autorizzazioni per utilizzarlo e, soprattutto, non necessita di canna fumaria. Come qualunque altro strumento che emette fiamme, produce CO2 e, a lungo andare, potrebbe rendere un pò pesante l’aria all’interno del locale. Ma non ti preoccupare! Ti basta soltanto arieggiarlo di tanto in tanto aprendo porte e finestre.

Vieni a scoprire i nostri Biocamini

 

Al contrario, per montare un camino a legna devi assicurarti che ci sia una canna fumaria dedicata che raggiunga il tetto e che abbia un diametro e un’altezza abbastanza ampi da permettere ai fumi di uscire ed evitare problemi dal punto di vista della sicurezza (come ad esempio: un ritorno di fiamma o di fumi nell’ambiente e l’insorgere di incendi).
Se hai necessità di effettuare dei lavori per installare da zero la canna fumaria, è necessario che prima ti rechi presso il tuo comune di residenza per richiedere i permessi necessari a tale scopo. Tutto questo mette in evidenza che tempi e costi per l’installazione e attivazione di un caminetto sono superiori di quelli di un biocamino.

 

legna camino

Gestione dello spazio

Nulla è paragonabile all’atmosfera poetica e al calore avvolgente di un camino tradizionale. Tuttavia, per evitare inutili perdite di tempo e stress, è importante che tu abbia a disposizione uno spazio adatto al deposito della legna, come ad esempio un ripostiglio, una taverna o comunque un locale abbastanza grande da contenere la legna necessaria a coprire più o meno tutto il periodo invernale.

 

Anche se molto dipende da dove si trova la tua abitazione (ad esempio: in montagna o in pianura),  per non rischiare di rimanere senza scorte è consigliabile accatastare almeno 25/30 quintali di legna. Cosa assolutamente non necessaria per il bioetanolo, che, essendo conservato in taniche di plastica relativamente piccole,  può essere custodito tranquillamente in qualunque punto della casa.

 

Biocamino e camino tradizionale: una scelta soggettiva

Anche se queste erano solo alcune differenze, hanno comunque messo in evidenza un’importante verità: tutto dipende da te, dai tuoi gusti e dall’uso che vuoi farne. Quindi chiediti: a cosa mi serve? Qual è il mo obiettivo principale? Voglio scaldarmi in modo naturale e tradizionale, o sto semplicemente cercando qualcosa per arricchire il design della mia casa? A te tutte le considerazione del caso.

Tu personalmente cosa preferisci e perché? Scrivicelo qui sotto.

 

Grazie per il like e la condivisione.

A proposito di Marco C.

Alcuni mi chiamano "l'esploratore del web". Cerco e scavo con attenzione nel mondo digitale (e quello reale) per trovare risorse valide e condividere così informazioni utili, chiare, precise e sopratutto affidabili.

Vuoi ricevere in anteprima le novità sul mondo dell'arredo giardino?
Allora lascia il tuo indirizzo email qui sotto:

Vedi Anche

come-scegliere-le-piscine-da-giardino

Trasforma il tuo spazio esterno con le piscine da giardino

In questo blog parliamo spesso di come rendere il tuo giardino un luogo magico. Grazie …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *