come-curare-le-piante-grasse

Come curare le piante grasse: 9 consigli utili

Piante succulente e cactus sono il tipo di vegetazione migliore per chi non ha il pollice verde: facili da curare, non hanno bisogno di particolari attenzioni e sono adatte anche per abbellire gli interni della nostra casa, come una scrivania o una mensola.

Però, anche se sono a bassa manutenzione, ciò non significa che possiamo ignorarle completamente e solo sperare che sopravvivano. Ci sono comunque alcuni accorgimenti che è opportuno seguire, soprattutto se sei un principiante in questo campo. Se ti interessano, leggi questo articolo per scoprire 9 consigli su come curare le piante grasse.

1. Le piante grasse hanno bisogno di luce

luce-piante-grasse

Un fattore che spesso i principianti del giardinaggio trascurano è la luce. Infatti, le piante grasse necessitano in media 6 ore di luce al giorno, in base alla loro tipologia. Fai attenzione però, una giovane piantina potrebbe bruciare sotto il sole diretto; prediligi una zona illuminata indirettamente, oppure metti una tenda (non troppo coprente) per schermare i raggi solari.

2. Ruotare i vasi

Come abbiamo detto, le succulente e i cactus amano la luce diretta ma se la pianta rimane nello stesso punto esatto giorno dopo giorno, è probabile che un lato non riceva abbastanza luce.

Per questo motivo, gli esperti consigliano di ruotare il vaso ogni tanto in modo che tutte le foglie assorbano la luce necessaria al loro nutrimento. Inoltre le piante grasse, come tutte, hanno la tendenza ad inclinarsi verso la luce del sole, quindi muoverle farà in modo che si raddrizzino e che producano foglie uniformemente.

3. Come curare le piante grasse: l’innaffiatura

Un consiglio importante su come curare le piante grasse è fare attenzione all’innaffiatura. Contrariamente a quello che si immagina, di solito i principianti commettono l’errore di annaffiare le piante troppo spesso, portando così le radici a marcire. I cactus e le succulente sono anche più sensibili sotto questo aspetto, perciò assicuratevi di lasciare asciugare il terreno tra un’annaffiatura e l’altra.

Per capire se la tua piantina necessita di acqua, testa il terreno con un dito: quando i primi 3 cm sono asciutti, è tempo di prendere l’innaffiatoio.

calendario-con-cactus

Oltre a questo, è anche fondamentale considerare la stagione in cui siamo quando cerchi di capire come curare le piante grasse. Proprio come noi, cactus e succulente hanno bisogno di più energia durante il periodo di crescita. Durante la primavera e l’estate, le nostre piantine piante prosperano e bevono molta più acqua di quando sono a riposo in autunno e in inverno.

Per approfondire l’argomento, leggi Annaffiare le piante: 7 semplici regole da seguire

4. Annaffiare direttamente il terreno

Quando annaffi le tue piante grasse, assicurati di bagnare il terreno (non le foglie!) fino a quando l’acqua non fuoriuscirà dai fori di drenaggio del vaso. Se il tuo vaso non li ha, allora versa meno acqua.

innaffiare-le-piante-grasse

Un altro metodo di innaffiatura consiste nell’utilizzo di una bacinella. Mettici i vasi e riempi con dell’acqua fino a 3/5 cm dal fondo e lascia che venga assorbita dal terreno e dalle radici attraverso i fori di drenaggio. Una volta che la parte superiore del terreno è umida, rimuovi i vasi dalla bacinella.

5. Tenere le piante grasse pulite

Inevitabilmente, le tue piante da interno raccoglieranno della polvere sulla loro superficie. Questa ne inibisce la crescita, in quanto funge da schermo contro la luce. Basterà pulire delicatamente foglie ed aculei con un panno umido e, per raggiungere i punti più difficili, utilizza un pennello morbido.

6. Scegli un vaso con fori di drenaggio

Come accennavamo quando parlavamo dell’innaffiatura, a succulente e cactus non piace stare in un terreno impregnato d’acqua troppo a lungo, quindi il drenaggio è importante per prevenire la putrefazione delle radici. Raccomandiamo che il vaso in cui decidi di mettere la tua piantina abbia dei fori sul fondo e un sottovaso per raccogliere l’acqua in eccesso. Attenzione però, il sottovaso va svuotato non appena si riempie.

piantare-piante-grasse

Scopri i nostri Vasi

7. Piantale nel terreno giusto

terriccio-per-piante-grasse

Un altro importante consiglio su come curare le piante grasse è la scelta del terreno. Questo tipo di vegetazione necessita di un suolo drenante che non trattega troppa umidità, quindi il normale terriccio o la terra del tuo giardino non sono adatti.

Opta per del terriccio formulato appositamente per cactus e succulente, oppure mescola quello classico con sabbia, pomice o perlite.

8. Rimuovi gli insetti

I parassiti non dovrebbero essere un problema per le piante grasse da interno, ma occasionalmente si può avere a che fare con dei fastidiosi insetti. Moscerini e cocciniglie sono tra tra i nemici più comunemente attratti dalle piante grasse, soprattutto se in un terreno troppo umido e senza un adeguato drenaggio.

curare-le-piante-grasse

È importante allontanare le piante infette dalle altre e agire non appena ce ne accorgiamo. Fortunatamente le soluzioni sono diverse e alcune anche totalmente naturali, come sapone, olio di neem o tabacco.

9. Fertilizza le piante grasse durante l’estate

Le succulente o i cactus non hanno bisogno di molto fertilizzante, ma puoi dare loro dei nutrimenti leggeri appositi per questo tipo di pianta durante la stagione di crescita primaverile ed estiva. Fai attenzione a non esagerare: questo può causare che la pianta cresca troppo in fretta e si indebolisca.

 

Questi erano i nostri 9 consigli su come curare le piante grasse, adatti anche ai principianti del giardinaggio. Facci sapere se li hai trovati utili con un commento all’articolo.

A proposito di Rita N.

Credo fermamente nel detto "Non si smette mai di imparare". Grazie alla mia passione per il living e il lifestyle, spero di riuscire a condividere nuove idee, dare consigli utili ed incuriosire il lettore.

Vuoi ricevere in anteprima le novità sul mondo dell'arredo giardino?
Allora lascia il tuo indirizzo email qui sotto:

Vedi Anche

propoli

Propoli: origine e utilizzo a difesa delle piante

Chi non ha mai assunto propoli per alleviare il mal di gola? Eppure, le molteplici …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *