bonus-ristrutturazione-2020

Novità e proroghe per il Bonus ristrutturazione 2020

Detrazioni fiscali, ritenute, agevolazioni, tasse… È molto facile perdersi tra queste parole quando cerchiamo informazioni sul bonus ristrutturazione 2020. Sono comunque argomenti complessi e non è raro che una volta iniziata una ricerca potresti uscirne più confuso di prima, soprattutto se non sei esperto in materia.

L’ultima cosa che vuoi, quando stai prendendo decisioni importanti per ristrutturare la casa, è essere frenato da informazioni confuse e burocrazia. Si tratta di agevolazioni fiscali, quindi dovrebbero aiutarti, non renderti la decisione più complessa.

detrazioni-fiscali-2020-come-funzionano

Quindi, se sei confuso e desideri chiarirti le idee, in questo articolo tratteremo delle nuove detrazioni fiscali 2020 e delle proroghe di cui puoi avvalerti per sistemare la tua casa.

Novità: Bonus facciate 2020

Partiamo subito con le novità per quanto riguarda le detrazioni. Come previsto dalla Legge di Bilancio 2020, approvata il 15 ottobre 2019, oltre a bonus ristrutturazione 2020 e Ecobonus ci sarà una nuova agevolazione: il bonus facciate 2020.

bonus-facciate-2020

Cos’è il bonus facciate 2020?

Si tratta di una detrazione Irpef del 90% relativa alla ristrutturazione di facciate di edifici privati o condominiali. Il bonus facciate entrerà in vigore dal 1 gennaio 2020 ma sarà relativo anche alle spese sostenute nel 2019.

A partire dal nuovo anno l’Agenzia delle Entrate pubblicherà una guida completa sulla lista dei lavori che possono essere detratti e su come avvalersi dell’agevolazione fiscale. Non è ancora stato chiarito in quanti anni vi sarà il rimborso dell’Irpef (se 5 o 10 anni) e nemmeno se c’è un tetto massimo di spesa.

Per adesso, la detrazione del 90% dovrebbe essere applicata ai seguenti lavori:

  • intonacatura
  • verniciatura
  • rifacimento di ringhiere
  • decorazioni
  • marmi di facciata
  • balconi
  • impianti di illuminazione
  • impianti pluviali
  • cavi TV

Proroga del Bonus Ristrutturazione 2020 e come funziona

Viene rinnovato per il 2020 il Bonus Ristrutturazione. Ne abbiamo già parlato nell’articolo sul Bonus Ristrutturazione 2019 e la legge rimane la stessa. In poche parole questa detrazione consiste in uno sgravio del 50% sull’aliquota Irpef (per una spesa massima di € 96.000) che vengono rimborsati in 10 quote annue.

bonus-ristrutturazione-2020

La lista dettagliata dei lavori inclusi la puoi trovare sul sito dell’Agenzia delle Entrate. Proviamo comunque a fare qualche esempio pratico di opere edilizie che puoi effettuare in casa tua sfruttando la detrazione del 50%:

  • costruire un garage
  • installare un cancello
  • ristrutturare il bagno
  • sostituire le finestre

E la lista continua.
La modalità per usufruire del Bonus rimane la stessa degli scorsi anni: pagare i lavori tramite bonifico bancario o postale includendo la causale del versamento, il tuo codice fiscale e il codice fiscale o la partita IVA di chi esegue i lavori. Per ricevere il rimborso sarà poi necessario “indicare nella dichiarazione dei redditi i dati catastali identificativi dell’immobile e, se i lavori sono effettuati dal detentore, gli estremi di registrazione dell’atto che ne costituisce titolo e gli altri dati richiesti per il controllo della detrazione.”

Quali bonus vengono prorogati con la Legge di Bilancio 2020?

Il Bonus Ristrutturazione 2020 comprende la maggior parte dei lavori edilizi che un privato o dei condomini possono eseguire alla propria abitazione. Ma non è finita qui, infatti vi sono altre detrazioni di cui poter usufruire, anche più vantaggiose.

Ad esempio, per tutti quei lavori volti alla riqualificazione energetica dell’abitazione, è previsto come per gli altri anni, l’Ecobonus 2020: una detrazione pari al 65% o 50% per un tetto massimo fino a € 100.000 di spesa (a seconda dei casi), rimborsata in 10 anni.
Quindi se hai in programma di sostituire la tua vecchia caldaia, ti consigliamo di optare per una a condensazione in quanto ti aspetterebbe un rimborso del 65% della spesa totale.

ecobonus-2020

Bonus Verde 2020

Dopo un tentennamento alla fine del 2019, anche la validità del bonus verde è stato prolungata per il 2020. La metodologia è la medesima degli scorsi anni; è possibile applicare una detrazione Irpef del 36%, rimborsata in 10 quote annuali. La spesa massima prevista è di € 5.000 e i lavori inclusi, secondo l’Agenzia delle entrate, sono:

• sistemazione a verde di aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari, pertinenze o recinzioni, impianti di irrigazione e realizzazione pozzi
• realizzazione di coperture a verde e di giardini pensili

Danno diritto all’agevolazione anche le spese di progettazione e manutenzione se connesse all’esecuzione di questi interventi.

Come negli anni precedenti, possono usufruire del bonus verde 2020 anche i condomini per lavori sulle zone comuni esterne degli edifici. L’importo massimo complessivo non deve superare un massimo di € 5.000 per unità immobiliare a uso abitativo.

 

Questo era il quadro generale per quanto riguarda il Bonus Ristrutturazione 2020 e le altre detrazioni fiscali. Sappiamo che è un argomento avverso a molte persone, ma è importante avere le idee chiare sugli sconti e i rimborsi che si possono ottenere ristrutturando la propria casa.

A proposito di Rita N.

Credo fermamente nel detto "Non si smette mai di imparare". Grazie alla mia passione per il living e il lifestyle, spero di riuscire a condividere nuove idee, dare consigli utili ed incuriosire il lettore.

Vuoi ricevere in anteprima le novità sul mondo dell'arredo giardino?
Allora lascia il tuo indirizzo email qui sotto:

Vedi Anche

fiori-invernali-da-esterno

7 fiori invernali da esterno per colorare il tuo giardino o balcone

Per molti un giardino in inverno è sinonimo di arbusti spogli e prato incolto. Credono …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *