Home / Pavimentazioni e Rivestimenti / Pavimenti per esterni in WPC: eleganti come il legno
Pavimentazioni in WPC

Pavimenti per esterni in WPC: eleganti come il legno

Negli ultimi tempi di sente parlare tanto di WPC, ma cosa significa questa sigla?
Perché scegliere questo materiale?
Una pavimentazione, il rivestimento esterno di un edificio o una recinzione in WPC potrebbe essere proprio quello che stiamo cercando per avere un risultato estetico sorprendente unito ad una estrema semplicità di manutenzione, ma prima è giusto capire di cosa si tratta.

Pavimentazione in WPC

 

 

Cos’è il WPC?

WPC significa Wood Plastic Composite e da una decina d’anni identifica dei composti formati da legno e materiali termoplastici, tipo PVC, polietilene, collanti ecc. ed additivi in bassissima percentuale (dal 5 al 10%)

La percentuale di legno utilizzata dà subito un’idea della qualità del prodotto che abbiamo davanti: i migliori WPC hanno legno per almeno il 60-65%.

Il legno utilizzato è sottoforma di polvere o farina, più facile da impastare con gli altri materiali, e può essere di vario tipo: dal larice al bambu.

A seconda del tipo di legno e del materiale termoplastico varia il prezzo, in relazione alla qualità del legname stesso e quindi del prodotto finale. I legni migliori sono quelli duri e in massello. Altre parti del legno o quando questo è molto fibroso potrebbero dare un risultato finale non perfetto.

Pavimenti in WPC

Anche il tipo di materiale termoplastico utilizzato incide sulla qualità del prodotto: il migliore è il polietilene ad alta densità, che non si riscalda eccessivamente in estate anche quando è esposto al sole per molte ore e ci permette di camminare a piedi nudi con tranquillità. Avremo, sotto i piedi, qualche grado in più rispetto ad una pavimentazione in legno, ma sopportabile: se invece scegliamo un prodotto composito con PVC avremo una temperatura molto alta dopo una lunga esposizione al sole, quindi magari non potremo godere pienamente della terrazza o del solarium e avremo bisogno di un paio di ciabatte.

I prodotti più economici, seppur denominati WPC, in realtà contengono fibra di cereali invece del legno, quindi è bene verificare cosa si sta acquistando, senza cedere alla facile lusinga di un prezzo molto basso.

Il materiale termoplastico serve per formare un composto solido e resistente, nonché per conferire le caratteristiche di facilissima manutenzione di cui abbiamo accennato e che troverete più avanti in questo articolo. La lavorazione protegge la componente legno dall’attacco di agenti esterni, rendendolo quindi indeformabile.

Pavimenti e bordo piscina in WPC

I macchinari di produzione stampano sulle doghe/listoni/quadrotte il motivo estetico proprio di quell’articolo: rigato, liscio, con venature più o meno marcate a seconda delle scelte di ogni produttore.

Con il WPC quindi avremo una superficie con effetto legno ma che non richiede manutenzione: cosa volere di più?

 

 

Perché scegliere i pavimenti per esterni WPC?

Dobbiamo essere onesti: a chi non piace l’atmosfera che dà un pavimento in legno? La sensazione di camminare a piedi nudi, l’eleganza che dà con la giusta illuminazione, anche che siano solo file di lucette o brillanti candele dentro un vaso, il “calore” dell’atmosfera (e non inteso come temperatura!)…

Pavimenti in WPC

I pavimenti in legno da interno richiedono la cura che tutti sappiamo, ma all’esterno è tutta un’altra cosa. Le intemperie, le foglie autunnali, i nostri animali domestici, macchie di vario tipo richiedono una manutenzione frequente del legno, e spesso la vita frenetica di oggi ci fa desistere dal realizzare il pavimento in legno per balcone, veranda o zona pavimentata del giardino, spaventati dal tempo che comporterà il prendersene cura.

Il WPC dissolve ogni dubbio! Non necessita di alcuna manutezione tranne il normale spazzare le foglie o rimuovere ciò che cade/arriva sul nostro pavimento; la pulitura può essere fatta con normali detergenti neutri non aggressivi e straccio, senza necessità di costosi prodotti o attrezzature.

Questo materiale si presenta in listoni, doghe o quadrotte con l’aspetto tipico del legno, venature realistiche, superficie leggermente irregolare, colori a scelta. L’installazione può essere a correre, ad elica, incrociata, orizzontale o come più ci piace.

Il risultato finale sarà una distesa che sembrerà vero legno!

Se vogliamo porre attenzione anche all’ambiente, i marchi di qualità forniscono certificazioni sulla eco sostenibilità dei loro prodotti e, le più attente, anche sulla riciclabilità del WPC una volta dismesso.

Pavimenti in WPC a listoni

Il peso, inferiore a quello di altri prodotti in pietra o ceramica, lo rende adatto anche a balconi o terrazze, dove spesso bisogna fare i conti con il peso al metro quadro sopportato dalla soletta in cemento.

Acquista ora il tuo pavimento in WPC

 

 

Vantaggi

La differenza sostanziale, quella per cui la scelta del WPC risulta vincente, è nell’uso di tutti i giorni: il WPC non si macchia, non scolora, non ingiallisce, non si scheggia, non si crepa. La pulizia è facilissima, come se fosse un pavimento in sintetico.

Se durante una cena con amici cade qualche goccia di vino sul pavimento? Nessun problema, si toglie con un semplice gesto.

Siamo seduti con i nostri figli a far merenda e cade del succo di frutta o del gelato: uno straccio e la macchia scompare.

Pavimenti in WPC

Alcuni produttori trattano i loro articoli con speciali lavorazioni che rendono il WPC completamente impermeabile dalle macchie, mentre su altri servirà spalmare un apposito prodotto per creare un sorta di “scudo” contro gli attacchi esterni.

Una o due volte l’anno potrà essere necessario un trattamento con olio per legno da esterno per preservarne la bellezza e lucentezza nel tempo.

Ce ne sono tanti di esempi presi dalla vita di ogni giorno che fanno capire quanto sia pratica una superficie in WPC, senza contare gli agenti atmosferici: magari le foglie autunnali che si decompongono prima di riuscire a spazzarle via, petali di fiori o foglioline delle nostre erbe aromatiche preferite, aghi di pino…

Il WPC resiste alle escursioni termiche estreme, arrivando anche a -40°C se si parla di freddo, +60°C per il caldo.

Resiste all’acqua, quindi lo si può installare in prossimità delle piscine.

È inattaccabile da muffe e umidità.

Bordo piscina in WPC

 

 

Come si installa

Il WPC si installa come un qualunque pavimento per esterno, con clip o viti a seconda della tipologia di installazione, del sottofondo, del fatto che si tratti di quadrotte o listoni. Potrebbe essere necessario l’uso di magatelli o reti, sempre a seconda del terreno/fondo.

Può essere realizzato in fai da te se si ha una buona manualità in questo genere di operazioni.

Procedendo con cautela ed attenzione il risultato sarà superlativo!

Pavimenti in WPC

È molto importante, ci teniamo a sottolinearlo, che si esegua il lavoro in totale sicurezza e utilizzando gli attrezzi opportuni: ad esempio, per le parti di listoni/quadrotte da tagliare in opera è necessaria una sega per legno e tutte le protezioni personali necessarie per non correre rischi. Altrimenti è consigliato avvalersi di un posatore professionista.

Il WPC, avendo una componente di legno, è pur sempre un materiale vivo, quindi necessita di una corretta areazione: per questo i prodotti destinati all’esterno solitamente non sono adatti all’interno, ed è bene chiedere ai rivenditori se è possibile cambiarne la destinazione d’uso nel caso si cerchi un prodotto per la casa.

Tutto l’occorrente per l’installazione (minuteria, clip ecc.) è solitamente venduto con il WPC.

 

 

WPC non solo per i pavimenti: rivestimenti e recinzioni

Il WPC è così versatile che è usato non solo per i pavimenti, ma anche in verticale.

Rivestimenti in WPC

Grazie alla forte richiesta il settore del WPC si è ampliato realizzando anche listoni adatti al rivestimento di fabbricati e per costruire delle eleganti recinzioni per la nostra proprietà, oppure delle pareti frangisole.

L’effetto estetico è di sicuro impatto, anche qui legata a tutti i pro del WPC di cui abbiamo già parlato.

Le recinzioni, essendo assemblate in loco, sono completamente personalizzabili in altezza e lunghezza, nonché magari farle declinanti o con parti più alte ed altre più basse. Le recinzioni tutelano la nostra privacy da sguardi indiscreti dei vicini o dei passanti, se abitiamo in una zona trafficata, senza l’effetto costrittivo e antiestetico di un semplice muro in cemento.

Recinzione in WPC

Acquista ora la recinzione in WPC

 

 

Locali, aree pubbliche, stabilimenti balneari

Grazie alla sua resistenza e bellezza nel tempo, nonché impermeabilità alle macchie e facilità di manutenzione, il WPC è ideale per i locali pubblici, i luoghi aperti con costante passaggio di persone, i lungomare, le terrazze panoramiche, i solarium e le distese estive degli hotel.

I WPC di ultima generazione sono resistenti anche al cloro, quindi perfetti per la zona solarium vicino alla piscina. Anche la vicinanza al mare non causa problemi: se il vostro stabilimento balneare preferito ha una bella distesa effetto legno per gli aperitivi molto probabilmente è in WPC!

Pavimenti in WPC

A proposito di Silvia M.

Appassionata di arredamento degli spazi aperti, felice di rispondere alle vostre domande.

Vedi Anche

foto: recinzioni da giardino

6 idee per recinzioni da giardino meravigliose

Il miglior modo per decorare un giardino e, allo stesso tempo, proteggere la privacy, è …

4 commenti

  1. Salve Silvia,
    semplice curiosita’: non sarebbe poi complicato pensare a coprire un pavimento di tal genere con una veranda?
    Voglio dire, rispetto ad un pavimento in muratura, sul quale sarebbe facile fissare una qualsiasi struttura, sia esso un gazebo o la struttura di una veranda, questo tipo di pavimentazione limita o condiziona un po’ le altre soluzioni?

    Un gentile saluto,
    -Luigi

    • Buongiorno sig. Luigi,
      il pavimento in WPC è un rivestimento non portante, che necessita comunque di una soletta possibilmente in cemento/calcestruzzo. Tutti i manufatti esterni (verande, pergole, ecc.) vengono fissati al cemento, poi il WPC viene posato sopra, come rivestimento, tagliando le assi seguendo gli spazi/i perimetri.

  2. Salve leggendo il prodotto e interessante .il mio problema e nel piccolo giardino ho dei piastrelloni rovinati .posizionati male .con fughe cresce l erba .vorrei far applicare sopra un prodotto .non tanto spesso .per abellirlo .cosa mi consigliate. Io sono provincia Varese .aspetto vostre notizie grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *